Diabete

Rinunce e scoperte

Da quando il diabete mi accompagna, le rinunce alimentari sono diventate all´ordine del giorno. Per una come me, che e´ sempre stata una buona forchetta, rinunciare a qualche cibo `dannoso`per i suoi effetti sulla glicemia e´ risultato fin dal principio sfidante.

Non e´ facile e non e´ sempre possibile matematicamente prevedere con precisione quale puo´ essere l´effetto che un cibo avra´su di te e sulla tua stramaledetta glicemia, pur conoscendone con precisione peso e quantita´ di carboidrati.

E´tutta una scommessa.

Per me e´risultato e risulta molto piu´ semplice rinunciare, rinunciare, rinunciare.

Per esempio. Il nemico piu´ AMATO e allo stesso tempo TEMUTO da noi diabetici.

LA PIZZA.

Ecco non ricordo neanche l´ultima volta che ne ho mangiata una. E devo dire che neanche ne soffro piu´ di tanto la mancanza, oramai.

Il suo concentrato bomba di lievito, carboidrati, grassi e chi piu´ ne ha piu´ ne metta ha avuto su di me sempre un effetto bomba sulla mia glicemia e non solo per i valori di picco raggiunti ma anche per il perdurare delle iperglicemie post-peccato di gola.

La pizza e´ mortale e ci ho rinunciato. O comunque so bene cosa significa per me mangiarne una, e percio´ volessi togliermi lo sfizio so bene che lo pagherei mooooolto caro e anche quanto.

Addio amata PIZZA.

Un altro esempio e´ tutta la rosticceria siciliana. Noi catanesi AMIAMO letteralmente la rosticceria nostrana sia che si tratti della semplice (si fa per dire! 🙂 ) pizzetta catanese slurp! sia che si tratti della bomba fritta o della cipollina. Insomma tutta roba da intenditori e amanti del genere.

Ecco, a differenza della pizza, ricordo esattamente l´ultima volta che ho osato mangiare una pizzetta e mezza cipollina. Poche settimane fa, e per giunta con una stupenda vista faraglioni ad Acitrezza. Quel momento li´ e´ stato di pura goduria. Non esisteva in quel momento cosa piu´ paradisiaca. Ma il sogno e´ durato poco, molto poco.

Non sono finita in ER per un pelo. Ho conquistato un fantastico picco di glicemia schizzata a 400 e passa in meno di un´ora, giusto per darmi una botta in testa per riportarmi nuovamente con i piedi per terra e ricordarmi che non me lo posso permettere piu´ cosi´ facilmente un paradiso simile.

Addio amata rosticceria catanese. Addio. Non ti dimetichero´ mai. E sappi che ogni volta che saro´ li´ e non potro´neanche lontanamente vederti, mi mancherai.

La lista e´ mooooolto lunga e il risultato, sempre lo stesso. Glicemie alle stelle e sensi di colpa. Un mix del caxxo!

E dunque…

Addio granite siciliane di qualsivoglia gusto. Addio.

Addio buonissimi gelati siciliani, arancini di qualsivoglia gusto.

Addio torte salate fatte con sfoglie e pasta brise.

Addio pane del panificio sotto casa dei miei. Ricordero´ per sempre quei soffici panini al latte. Addio.

Addio yogurt industriale alla frutta, crackers industriali.

Addio cornetti vuoti e ripieni delle colazioni di tutti gli alberghi del mondo.

Addio torte di qualsivoglia tipo e forma. Non vi so quantificare, maledette! E dunque, Addio.

Addio patate, patatine fritte, patate bollite e patate al forno con il rosmarino di sopra.

Addio lasagna della mamma, che´ non ti so quantificare mai, mai, mai. Addio.

Addio `ho voglia di qualcosa di buono`.

E benvenuti…schifosissimo pane in cassetta a fette della mulino bianco. Ti odio. Ma vai bene perche´ le tue odiosissime e schifosissime fette, si quelle si che le posso quantificare per bene.

Benvenuto tristissimo yogurt bianco con i tuoi 6 gr di carboidrati. Sei leggero e salutare. Ma anche triste e acido. Come questo post, come questo pomeriggio.

 

2 risposte a "Rinunce e scoperte"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...