Diabete · Ispirazioni · Scopo

Come vincere la me disfattista e iniziare a fare blogging: il mio manifesto in dieci punti

 

  1. Non vergognarti, sii semplicemente te stesso. Ma anche fossi una persona mediocre,  a chi importerebbe e cosa succederebbe? Pazienza non sarai l’unica in questo mondo. Ma anche fosse così, staresti comunque esprimendo il tuo vero e unico essere senza sovrastrutture, maschere varie e fronzoli. Esci allo scoperto, sii semplicemente te stesso.
  2. Agli altri tendenzialmente non interessa quello che fai o come vivi la tua vita, fai quello che vuoi e vivi la tua vita e basta.
  3. Quello che fai, fallo esclusivamente per te, per capire scrivendo chi sei e per elaborare i tuoi pensieri, senza aspettarti alcun ritorno o ricompensa o ringraziamento. Ricorda agli altri non interessa davvero.
  4. Non aspettare che arrivi l’ispirazione per scrivere. Non sei Hemingway per forza. Senza troppe arie, non pretendere da te stesso quello che non sei, scrivi, semplicemente scrivi quando ne hai voglia, quando ti sale quel qualcosa che vuoi tirare fuori, quando sei arrabbiato o felice, quando leggi qualcosa che ti prende e vuoi farlo tuo. Scrivi senza pensare troppo al risultato finale.
  5. Al contrario, non forzarti a scrivere solo perché nel tuo calendario hai fissato quello slot di tempo e dunque lo devi fare. Non forzarti, se non ti parte quella energia, quello che proverai a fare sarà una forzatura e alla fine del processo potresti sentirti frustrato e insoddisfatto.
  6. Se ti piace scrivere sulla tua specifica condizione di salute, non ti improvvisare un medico di E.R. Non lo sei, chiarisciti il perché lo fai. Non per dispensare conoscenza e consigli a vanvera ma per diventare più consapevole e imparare qualcosa in più di te mentre scrivi. Questo deve bastarti.
  7. Se ti piace scrivere di motivazione, consapevolezza, valori, psicologia fallo sapendo che il mondo non sta aspettando te come fossi la reincarnazione di Osho, Freud o Napoleon Hill. Non lo sei, chiarisciti il perché lo fai. Ti fa rilassare e ti accende qualcosa dentro. Questo deve bastarti.
  8. Concentrati sul momento presente, su chi sei oggi, su quello che pensi e che ti accende oggi. E scrivi di te oggi. Non pensare troppo a cosa scriverai domani e a chi sarai domani. Non puoi saperlo. Se diventerai il Bukowski dei nostri tempi, lo scoprirai solo vivendo 🙂
  9. Se a volte qualcuno mostra interesse per quello che scrivi, cerca di capire il perché. Anche se sei consapevole che agli altri tendenzialmente non interessa quello che fai e dunque, che scrivi, se qualcuno apprezza o critica, fai delle domande, raccogli i loro feedback, rivivi le tue emozioni attraverso le emozioni espresse dall’altro. Sarà come rivivere la tua energia una seconda volta.
  10. Come dice Mark Manson, non stare lì a pensare senza fare niente, passa all’azione, fai qualcosa, qualsiasi cosa sia ma falla e falla ora. Il momento giusto non arriverà mai, il pezzo giusto non arriverà mai. Fallo e basta!

 

 

Ti è piaciuto il post?

Che ne pensi? Hai un tuo manifesto? Cosa ti ha spinto ad iniziare un blog?

Se ti va, dimmelo a info@sugargirl.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...