Consapevolezza · Valori

Quando tutto quadra

 

Tutti possiamo liberarci della temibile “ansia da prestazione”. Dobbiamo solo cambiare totalmente la nostra filosofia di vita sull’importanza delle cose.

L’ansia da prestazione è una delle principali cause (o effetti…?) dello stress lavorativo. Il problema di questo tipo di ansie sta nel fatto che riteniamo importanti cose che non lo sono affatto. Come ad esempio il lavoro che dovrebbe essere un’occupazione finalizzata esclusivamente a divertirci.

In realtà i lavori che svolgiamo oggigiorno non hanno la minima importanza e se domani scomparissero non succederebbe un bel nulla.

Non penserai davvero che quello che fai sia così importante?

La sola cosa che conta nella vita, una volta soddisfatte le nostre esigenze di base di bere e mangiare, è amare la nostra esistenza e gli altri. Il 99% dei lavori che svolgiamo sono totalmente irrilevanti perché esulano da questi campi.

E allora perché mai dovremmo preoccuparci?

Non appena prendi coscienza di ciò che è davvero importante nella vita, tutto quadra. Niente è importante, tranne la Felicità.

C’è davvero qualcosa di necessario nella vita che viviamo? Al massimo un paio di cose. E non hanno nulla a che vedere con la produttività, l’efficienza e l’isteria dell’era industriale.

La vita può essere una girandola di gioie e il lavoro il nostro intrattenimento principale. Se avremo successo, bene. Altrimenti potremmo comunque divertirci.

La sola cosa che conta è il Piacere, non i risultati.

Non appena ne prendiamo coscienza, tutto quadra. Smetti di preoccuparti e rendi al tuo massimo.

Infatti la maggior parte delle persone di successo sono capaci di accendere l’interruttore del divertimento e non quello dell’obbligo. Ed è questo il segreto del loro successo: senza ansie da prestazione, mettersi in luce diventa molto più semplice.

Quale è la cosa peggiore che può succederti?

Risulta necessario cambiare il nostro sistema di valori.

Il valore delle persone non sta nello svolgere bene un determinato lavoro ma nella nostra capacità di amare. Quando sarà arrivato il nostro momento le sole cose che resteranno di noi saranno i nostri atti d’amore, nulla di più.

Nella vita non è importante fallire o avere successo ma solo amare e provare piacere mentre siamo vivi!

Ognuno di noi potrebbe andare a lavoro, commettere degli sbagli e al tempo stesso sentirsi fiero dei propri errori, ognuno dei quali sarebbe come una medaglia di felicità da appendere al petto, ognuno dei quali sarebbe il riconoscimento più alto nella gara più importante della nostra vita: quella che ci porterà a essere le persone che vogliamo essere.

Umiltà per recuperare la salute mentale!

L’umiltà ha a che vedere con la salute mentale. Si tratta di una delle virtù basilari, intendendo quella tipica di una persona che invece di volersi sentire migliore degli altri, vuole essere uno fra tanti.

Spesso quando siamo in ansia ci viene in mente che “dobbiamo metterci in evidenza”, “diventare qualcuno”, altrimenti saremo dei falliti.

Niente di più lontano dalla verità. Perché per essere felici bisogna possedere la capacità di sapersi divertire e apprezzare le piccole cose.

Successi, soldi, guadagni sono soltanto risultati collaterali di una vita vissuta con gioia e con amore.

“Sentirci i migliori”, “sapere molte cose”, “essere in gamba”, “essere all’altezza” sono bisogni stupidi agli occhi di una persona matura e dobbiamo disfarcene!

Il prestigio personale e la perfezione sono dei bisogni di vanità superflui che semplicemente trasformano gli esseri umani in folli. Non possono che essere invenzioni di una mente tormentata e che non ragiona lucidamente.

Dai…rilassati, non sei nessuno! 🙂

Una persona matura spiritualmente è una persona che ad esempio insegna il poco che sa agli altri con umiltà e con affetto. Senza darsi delle arie. Mettendo l’amore davanti a tutto.

Le manie di grandezza influiscono negativamente sul modo in cui veniamo percepiti. Bisogna prenderne coscienza se vogliamo diventare felici e forti.

Qualunque persona, qualunque sia il grado di complessità o utilità della professione che svolge, non è altro che un essere umano, nudo di fronte al mondo, perfettamente identico a un indio dell’Amazzonia.

Nessuno di noi deve sentirsi superiore agli altri!

Nessuno che si ritenga sano di mente, almeno…

Tratto da “Essere Felici Controvento” di Rafael Santandreu

🙂

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...