Valori · Vita

La Poesia della Tenerezza

Non so come mai ma questo è il periodo in cui mi tornano in mente certe poesie.

Quella di oggi – “Orme sulla sabbia” – mi riporta al momento in cui, circa un decennio fa “incontrai” per la prima volta uno dei miei scrittori preferiti in assoluto – Paolo Coelho. Ricordo che erroneamente attribuii a Coelho questa poesia e solo dopo – ammetto con un pò di dispiacere – scoprii che mi sbagliavo.

Rievocandola e rileggendola oggi mi restituisce l’immagine dei miei genitori ed una tenerezza che è difficile spiegare a parole.

Questa immagine del Signore che ci porta con sè sulle sue spalle, che ci sostiene, ci aiuta, ci sorregge proprio nei momenti di difficoltà della vita, mi riporta proprio all’immagine di mamma e papà sempre lì, sempre presenti, sempre pronti a sostenermi e a “portarmi in braccio” quando più ne ho bisogno e anche quando non me ne accorgo e non ne sono pienamente consapevole.

Proprio bella.

 

Orme sulla sabbia 

Questa notte ho fatto un sogno,
ho sognato che camminavo sulla sabbia
accompagnato dal Signore,
e sullo schermo della notte erano proiettati
tutti i giorni della mia vita.

Ho guardato indietro e ho visto che
per ogni giorno della mia vita,
apparivano orme sulla sabbia:
una mia e una del Signore.

Così sono andato avanti, finché
tutti i miei giorni si esaurirono.
Allora mi fermai guardando indietro,
notando che in certi posti
c’era solo un’orma…
Questi posti coincidevano con i giorni
più difficili della mia vita;
i giorni di maggior angustia,
maggiore paura e maggior dolore…

Ho domandato allora:
“Signore, Tu avevi detto che saresti stato con me
in tutti i giorni della mia vita,
ed io ho accettato di vivere con te,
ma perché mi hai lasciato solo proprio nei momenti
peggiori della mia vita?”

Ed il Signore rispose:
“Figlio mio, Io ti amo e ti dissi che sarei stato
con te durante tutta il tuo cammino
e che non ti avrei lasciato solo
neppure un attimo,
e non ti ho lasciato…
i giorni in cui tu hai visto solo un’orma
sulla sabbia,
sono stati i giorni in cui ti ho portato in braccio”. 

[Anonimo brasiliano] 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...