Ispirazioni · Valori

Alla Ricerca del Vero Scopo

Fin da piccoli ci è stato insegnato che trovare il nostro scopo nella vita abbia a che fare con quello che facciamo, con gli obiettivi professionali e personali per cui lottiamo, con il raggiungimento di un determinato status sociale ed economico. Ciò significa che le nostre azioni, le nostre performance, i nostri obiettivi pratici sono l’unico specchio, l’unica vera prova tangibile di chi siamo veramente.

Questo è legato certamente a come siamo stati educati in famiglia e a scuola e poi nel mondo del lavoro. Tutto è permeato dal concetto di performance a tutti i costi che, attraverso un sottile meccanismo psicologico basato sul senso di colpa e di inadeguatezza, ci spinge costantemente a rientrare in una certa definizione sociale di chi siamo pena il giudizio negativo o ancor peggio l’esclusione.

Questo è appunto il meccanismo che giudica rigorosamente la nostra prestazione e ci punisce se non andiamo bene.

Può succedere che ad un certo punto della nostra vita questo venga messo in discussione e che il nostro sistema di valori – che fino a quel momento abbiamo pensato ci appartenessero – entri in una profonda crisi. Ciò può accadere in particolare quando ci troviamo ad affrontare dolori molto intensi o fallimenti che non rientrano sotto il nostro controllo.

Ci rendiamo conto ad un certo punto della nostra vita che la ricerca del nostro Vero Scopo attraverso la performance diventa un concetto un pò vuoto e che non si avvicina al nostro essere né tanto meno alla nostra idea di benessere fisico, mentale e sociale.

Qualcuno definisce il nostro Vero Scopo come qualcosa di più grande ed importante, che va al di là del nostro lavoro, delle nostre passioni e dei nostri passatempo e che si avvicina ad una sorta di risveglio della consapevolezza, ad una scoperta ed un incontro con chi siamo veramente.

Le definizioni naturalmente non bastano per capire di cosa stiamo parlando.

Credo che si tratti di un processo molto personale e soggettivo, non facile e scontato, che non ha dei tempi definiti e validi per tutti noi, che non ha un manuale di istruzioni che ci possa guidare per evitare di sbagliare.

Credo che per raggiungere questo risveglio della consapevolezza sia necessario farci quelle domande che non abbiamo mai osato considerare e provare a mettere in crisi il sistema di valori e credenze che abbiamo da sempre dato per scontato ci appartenesse.

Provare dunque la strada del dubbio e dell’incertezza per scuotere un pò quel sistema di valori e credenze e testare quanto essi siano forti e davvero radicati dentro di noi.

Io penso valga la pena almeno provarci. Poi se non cambia nulla o non succede nulla, molto bene vuol dire che abbiamo sempre fatto tutto giusto e che siamo perfettamente allineati con chi siamo.

Certo è che se il tarlo del dubbio si insinua ed iniziano a nascere quelle domande che non abbiamo mai osato considerare contro la nostra volontà, vuol dire a mio parere che già qualcosa sta succedendo, già qualcosa sta cambiando o forse è già cambiato checché ce ne vogliamo rendere conto o meno. A quel punto possiamo scegliere se andare avanti oppure fare finta di niente.

Personalmente preferirei fare finta di niente perché me la faccio davvero sotto 🙂 Ho una paura fottuta di dover scardinare la mia zona di confort.

Ho sempre saputo che se riuscivo a “performare” come mi era richiesto e se fossi stata sempre “perfetta”, tutto sarebbe andato bene e tutti avrebbero continuato a volermi bene.

Cosa succederebbe se fossi imperfetta?

Ho sempre saputo che se mi fossi mostrata sempre forte e sicura di me e delle mie decisioni, tutto sarebbe andato bene e mi sarei conquistata la fiducia e il rispetto delle persone.

Cosa succederebbe se fossi vulnerabile?

Ho sempre saputo che il mio valore personale si basava sul numero di lauree, riconoscimenti, targhe attaccate alle pareti che sarei riuscita a collezionare.

Cosa succederebbe se non fossi più una targa?

Cosa resterebbe di Me?

 

 

Se il post ti è piaciuto e vuoi farmi delle domande o semplicemente darmi un tuo feedback scrivimi a info@sugargirl.it 🙂

Sarò felice di conoscerti. Grazie! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...